Seleziona una pagina

Il Cavaliere Selvaggio

Sauvignon Varietale d’Italia

Su cloni originali di Sauvignon Blanc è coltivato in sesti di impainti intensivi a 300 metri di altitudine, su terreno calcareo molto magro con una produzione limitata di alta qualità.

Di colore leggere, giallo paglierino, ha un profumo caratteristico molto ben sviluppato con sentori floreali in gioventù che si evolvono in piacevolissime note minerali dopo l’affinamento in bottiglia.
Ha un gusto molto intenso e persistente con una piacevole freschezza di sottofondo.

È un grande vino bianco, equilibrato e fine, con una struttura che gli conferisce una grande longevità.
Ben si accompagna con tutti i piatti di pesce, soprattutto i crostacei, gli affumicati, i primi piatti e anche alcuni formaffi stagionati ed erborinati.

Disponibile nei formati:

Vitigno: Sauvignon Blanc.

Terroir: Calcareo e molto magro, argilloso e scheletrico.
Terreno molto ripido con buona ventilazione.

Vigneto: Levantina e Tre Bianchi.

Impianto a cordone speronato.
Alta intensità di coltura e bassa resa per ettaro.

Vinificazione:

  • Macerazione a freddo delle uve.
  • Vinificazione in bianco e separazione in pressa delle bucce dal mosto fiore.
  • Decantazione statica a freddo e fermentazione a temperatura controllata.
  • Vinificazione in acciaio.
  • Imbottigliamento: Primavera successiva alla raccolta.

Sauvignon atipico che riflette le caratteristiche del territorio.

Profumo intenso. Note di agrumi, equilibrate note minerali. Leggera sapidità. Frutta esotica gialla. Lunga persistenza gusto-olfattiva.

Crostacei, pesce alla griglia, salumi affumicati. Primi piatti con funghi, peperoni e melanzane. Formaggi semi-stagionati e a pasta filata.