->

 

DALLA GUIDA DEI VINI DI LUCA MARONI 2008 

COMMENTO CONCLUSIVO:

Complimenti a Cabanon: un bicchiere che continua deciso a salire in qualità, viepiù ben bilanciato, viepiù netto e fragrante. Costante si può dire la sua pastosa e polposa 
consistenza. Fra i bianchi sono lo Chardonnay e il Pinot Grigio a distinguersi per piacevolezza. Il primo ben denso e potente, il secondo di suadenza gustativa 
entusiasmante giacchè alszianeggiante. L’Oro 2005, tale di nome e di cromatico fatto, è vino dolce di sauterneggiante ricchezza estrattivo zuccherina.
Poi suoi poderosi rossi, che potrebbero essere sviluppati con ancora maggiore, più turgido nitore. Possenti le evoluzioni balsamiche e le ligne speziature. Di Gran rango Il Barbera Piccolo Principe 2003: setosità e glicerinosità stupende. Da Annuario dei Migliori l’Infernot 2004, certo fra i rossi dell’Oltrepò più morbidi ed equilibrati testati quest’anno.

LEGENDA ED INTERPRETAZIONE

INFERNOT 
La Nicchia nella cantina 2004 
Annuario dei Migliori Vini Italiani di Lm
86/100 centesimi - vini Ottimi (formaggi) 
Sensazioni: La dolcezza del suo palato fa il vino, certo 
unitamente alla sua dirompente possanza, alla 
glicerinosità avvolgente dei suoi caldi e poderosi succhi. 
La morbidezza del palato, tale da avvolgere e da 
smussare, tale da implicare due sensazioni quali l’acido 
e l’amaro. L’acidità che è la sua potente e 
dorsaleggiante spina, il tannino, il suo tramoso e 
portante architrave di struttura. La suadenza, quella 
trionfale, della sua distillata, polposa ed essenziale uva. 
Che trama e spina annullano nella sua avvolgenza 
tondamente implicante. Le spezie son quelle del rovere, 
ora algide, or fiammeggianti e rostenti la purea del 
gran frutto di bosco di base. Un vino maiuscolo in 
potenza, eppur di souplesse soavemente suadente.
Barbera Piccolo Principe 2003 84/100 centesimi
vini Ottimi (pasta/ riso con
salse di panna e formaggi; carne)
ORO 2005

83/100 centesimi
vini Ottimi (Dolci con creme;
dolci

Barbera Prunello 2003 82/100 (focacce/torte salate; carne)
Chardonnay 2006 82/100 centesimi - vini Ottimi (pasta/riso con salse
di pesce; primi piatti)
La Botte n° 18 Cuoresivino 2004 82/100 centesimi - vini Ottimi( carne)

Guida ai vini Bio 2008 di Pierpaolo Rastelli

L'infernot ha il simbolino grafico dei migliori (una corona).

Infernot “La nicchia nella cantina” 2004: 
Comunemente si dice che l’amore sia cieco, perché fa innamorare senza un motivo logico. Noi invece siamo innamorati dell’Infernot per la sua originalità, per la sua complessità aromatica tutta da scoprire negli anni, per la voluttà con cui porge profumi di ciliegie sotto spirito, uva passa, cioccolato e leggera vaniglia in una struttura notevolissima, che non scade mai nel gusto dolce pur avendone le capacità e sa mantenersi austero e importante. Un vino che riconosceresti tra cento, 
anche quando, come abbiamo fatto noi, si confronta con vini ottenuti mediante appassimento (quali l’Amarone).

Cuoredivino La Botte n° 18 DOC 2004 : 
Alla Cabanon s’era intuito, grazie anche agli studi del prof. Masquelier dell’università di Bordeaux, l’azione protettiva e antietà di alcune sostanze del vino rosso ben prima che sofisticate indagini indicarono il resveratrolo quale polifenolo di maggior importanza. Si dedicò un vino a questo: il Cuoredivino La botte n° 18. Scuro alla vista ma non impenetrabile, ha profumi di peperone verde che si stagliano nitidi su di una base di spezie dolci; al palato entra garbato, sa progredire con regolarità approdando a un finale intenso e profondo.

Opera Prima Cabanon Blanc 2006 - Una fiera mineralità fa capolino tra le note di salvia dell’olfatto. Pur ottenuto da sauvignon in purezza, il Cabanon Blanc non è stato mai il tipico Sauvignon vegetale, con le tipiche note di foglia di pomodoro o di “pipì di gatto” giusto per citare due dei descrittori più comuni. Qui ci si esprime con una cadenza diversa, seguendo il valore della persistenza di gusto più che la sua intensità. E la sosta in cantina per qualche anno non fa di certo paura.

Riesling OP DOC 2006 - Il Riesling di Elena Mercandelli sa sfruttare la sua gioventù e le nobili ascendenze del vitigno renano per proporre accattivanti quanto freschi profumi di pompelmo rosa, mandarino e fiori. Stesso tenore al palato, succoso eppure profondo, di notevole sapidità.

Cabanon Rosé 2006 - Ci si può far sedurre dalla piena tonalità rosata che la bottiglia perfettamente trasparente sa esaltare. Ma saranno i profumi a svolgere con garbo il loro compito grazie al ricordo di petali di fiori e frutti di bosco; il palato tradurrà in freschezza queste sensazioni senza dimenticare apprezzabile polposità gustativa, dal finale tenace e soddisfacente.

Cabanon Noir 2004 - Come per il Cabanon Blanc anche il Cabanon Noir, da pinot nero, non è direttamente varietale: il vino ha discreta concentrazione di colore, profumi dal taglio più fruttato/vegetale che non speziato/animale, gusto con tannini non pienamente maturi e un’acidità che disegna un palato appuntito. Resta un valido bicchiere, a patto di non cercarci complessità.

ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER– DUEMILAVINI VINI 2008

"...L’edizione 2008 della Guida vede mancare all’appello Il Piccolo Principe, Barbera punto di riferimento da sempre, non prodotto nell’annata 2002. Torna invece il passito Oro, Sèmillon e Muscadelle vendemmiate tardivamente e lasciate appassire su graticci. Il resto della produzione è improntato sulla grande qualità che contraddistingue il lavoro di Elena Mercandelli, proprietaria ed enologo dell’azienda..

ORO 2003 – Bellissimo il colore oro Brillante. I profumi ricordano il miele di castagno, l’albicocca secca e il 
dattero. In bocca è caldo e sciropposo ma per nulla stucchevole. Bene su gorgonzola piccante.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 85 a 90 centesimi)
O.P. Rosso La Botte n. 18 CuorediVino 2004 – Preciso e puntuale fin dai profumi di marasca e confettura 
di more. Grande complessità ed eleganza al palato, dove la vena acida ed il tannino sono in perfetta 
proporzione.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 85 a 90 centesimi)
INFERNOT La Nicchia nella cantina 2004 Le sensazioni olfattive sono piacevoli, improntate su frutti di 
bosco e spezie dolci. Pieno e maturo all’assaggio, con tanino ben presente. Perfetto con bocconcini di lepre 
al tegame.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 85 a 90 centesimi)
Opera Prima Cabanon Blanc 2006. Profumi tipici di erba tagliata e accenni minerali; l’entrata al palato denota ottima acidità e piacevoli ritorni di agrumi. Con risotto agli asparagi
vini di Buon livello e particolar finezza (da 80 a 84 centesimi)
CHARDONNAY 2006 Originale bottiglia azzurra a contenere un vino dai profumi tipici di frutta tropicale. 
Buon equilibrio gustativo. Per il baccalà alla vicentina.
vini di Buon livello e particolar finezza (da 80 a 84 centesimi)

DALLA GUIDA DEI VINI DI LUCA MARONI 2007

COMMENTO CONCLUSIVO: 
Ottima la performance del bicchiere Cabanon, vini ricchi di sostanza stando alla fitezza estrattiva del Cabanon Blanc 2005 e del Riesling 2005 fra i bianchi, alla opulenta viscosità dello Spumante Dolce Elena. Per non parlare poi della concentrazione e della fittezza dei rossi, in particolare del Syra’s Vigna dei Gerbidi 2003, del Bonarda Boisèe 2003 e del Barbera Piccolo Principe 2001. Campioni di eccezionale possanza da sviluppare in morbidezza (forte il binomio acidità/tannino) e in integrità (alto il volume e l’evoluzione speziata). Ma quando la gran fitezza di questi rossi è seguita dall’adeguata morbidezza di sapore, davvero alto allora l’indice di piacevolezza conseguito. Da Annuario dei Migliori infatti l’Infernot 2003, vino che con sua pastosa e potente dolcezza di prugna, balsamicamente ci strega, Complimenti.

LEGENDA ED INTERPRETAZIONE

INFERNOT
La Nicchia nella 
cantina 2003 
Annuario dei 
Migliori Vini 
Italiani di Lm
87/100 centesimi - vini Ottimi (formaggi) Sensazioni: fra i rossi più morbidi dell'anno, avvolgente rifulge questo campione. Un vino che libera una dolcezza di bocca eccezionale nel momento della sua deglutizione. Dote che non era attesa data la vena di spezie torrefatte che ne scurisce un poco il profumo. Invece, come giunge in punta di lingua, come si espande al palato, il suo dolce frutto di bosco conquista per suadenza e naturale uvosità polposa. Una simbiosi tra densità e morbidezza, fra fittezza e dolcezza che non si vuole mai finire di apprezzare e godere. Dalla quale sempre 
ammirati, si va più e più volte a farsi sì balsamicamente carezzare.
Spumante Moscato 
dolce “ELENA” 
83/100 centesimi - vini Ottimi (frutta e dolci)
O.P. Bonarda 
Boisèe 2003
82/100 centesimi - vini Ottimi (carni bianche – 
brasate/salsate/fritte - carne
O.P. Rosso La Botte 
N. 18 CuorediVino 
2003
81/100 centesimi - vini Ottimi)
O.P Riesling 2005 81/100 centesimi - vini Ottimi)
O.P. Barbera 
PICCOLO 
PRINCIPE 2001
80/100 centesimi - vini Ottimi)
Syra’s 2003 80/100 centesimi - vini Ottimi)

Premio TOP HUNDRED 2007

L’Ascolto del Vino di Paolo Massobrio & Marco Gatti i quali presso il Palazzo Mezzanotte in piazza Affari a
Milano premiano il vino CORVITIS fra i Top Hundred d’Italia. Il premio Top Hundred, voluto per rappresentare la vitalità del mondo enologico italiano, legato alla qualità dei vini, intende dare visibilità ai produttori e riconoscere la particolarità del loro lavoro. L’inserimento del rosso D.O.C. CORVITIS 2004 dell’Azienda Agricola Fattoria Cabanon nella lista dei cento migliori vini di Italia è importante proprio perché riconosce l’opera di valorizzazione di un vitigno autoctono in passato dimenticato. Dalla Guida l’Ascolto del Vino di Paolo Massobrio & Marco Gatti, si commenta: O.P. “COR VITIS” 2004: L’azienda Cabanon ha rappresentato un fenomeno in Oltrepò, dando prova di come si esprima, sull’asse di vari vitigni. Ma la novità, dopo quel vino della Botte n.18 che è diventato un mito, è l’esperimento di questo vino, nato per accompagnare un libro sul Mestiere del Vignaiolo (il Saggiatore). E l’assaggio è stato emozionante. La sorpresa di un grande vino italiano, nello stile e nel solco storico di questa azienda, un vino pieno, corposo, fresco, setoso ed elegante.

ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER– DUEMILAVINI VINI 2007

"...Questa azienda è sicuramente una delle realtà piu interessanti di questa porzione di Lombardia. La ricerca della perfezione nei suoi vini provenienti da vitigni internazionali praticamente sconosciuti in questa zona, come il Syra’s, a base di uve Syrah, appunto. Torna in questa Edizione il Piccolo Principe, espressione di Barbera originale e dalla spiccata personalità.

Barbera PICCOLO PRINCIPE 2001 - Rubino Luminosissimo. Si muove compatto, liberando un’inebriante spettro olfattivo di amarena, prugna, erbe aromatiche essiate, cacao, e ancora caffe, noce e ricordi di sherry. 
La possente struttura è ingentilita da una spinta acida che garantisce un equilibrio impeccabile, la dotazione alcolica non è affatto un ingombro e il sorso ne esce agile e gustosissimo. Su medaglione di cervo ai funghi.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
O.P. Rosso La Botte N. 18 CuorediVino 2003 - Racchiude tipicità e terror, Elegante fin dai profumi, complessi ed intriganti, di spezie scure e marasca, con un tono smaltato. In bocca è crescendo di complessità e finezza. Con coda alla vaccinara.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
Syra’s 2003 - Naso su tinte morbide, ciliegia matura, cioccolato e un ampio corredo speziato. Ottima la struttura gustativa, pieno, rotondo e di grande equilibrio. Su filetto di manzo al pepe verde.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
INFERNOT 2003 Mirtillo in confettura e cannella sono le sensazioni odorose. In bocca è ricco di polpa, eleganza ed equilibrio. Interqamente maturato in acciaio., è perfetto su cinghiale alla maremmana.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
Bonarda Boisée 2003 Bella espressione di vitigno e territorio. L’apporto dei 12 mesi di barrique è ben dosato e ne esalta il corredo di profumi. Struttura ed equilibrio in bocca, sposa un salame di testa della Lomellina.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)

Associazione Italiana sommelier DUEMILAVINI VINI Il Libro Guida ai Vini d’Italia e ai Ristoranti Cantine d’Attrazione; edizione 2006:

"...La nascita dell’azienda risale all’inizio del secolo scorso, quando il nonno di Elena Mercandelli, attuale proprietaria ed enologa, decise di coltivare i vigneti in proprio per produrre il vino da servire nella sua osteria di Godiasco. Da allora impegno e passione inalterati, per una realtà che gode di condizioni pedoclimatiche ideali per i propri vigneti, situati all’estremità occidentale della enominazione, a pochi passi dal confine piemontese.

O.P. Rosso Infernot Riserva 2001 – Flessuoso e suadente, mostra un intenso colore rubino, quasi impenetrabile. Gran bel naso, ricco, caldo e intenso con note di marasca e anice stellato subito seguito da ricordi di cuoio e pepe nero. Al palato sapori decisi, giocati soprattutto su sensazioni fruttate e su di una notevole morbidezza di fondo; lungo finale alla liquirizia. In barrique per oltre un anno. Costine di maiale in umido.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
O.P. Cabernet Sauvignon CuorediVino 2001 – Rubino carico con qualche riflesso granato, ha intensi e profondi profumi di ribes, pelliccia e foglia di pomodoro. In bocca è morbido e avvolgente, grazie anche a tanninni molto dolci; decisamente buona la PAI. Vinificato in grandi botti da 50 hl, matura più di un anno solo in contenitori di acciaio. Pollo alla Marengo..
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)
O.P. Riesling 2004 – Pagliarino con sfumature verde-oro, ha un impatto olfattivo decisivo, che riporta alla susina matura, con un tocco agrumato e una notevole nota minerale. Bocca lunga e coerente, con un finale caratterizzato soprattutto dalla freschezza. Vinificato e maturato in acciaio. Tagliolini all’aragosta..
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)

GUIDA AI VINI D’ITALIA BIO 2006

1. I Migliori dell’anno Oltrepo Pavese Rosso Riserva Infernot La nicchia della cantina DOC 
2001: L’Infernot è un vino straordinario, ottenuto con le sole uve degli speroni colte in avanzato stato di maturazione, la cui disponibilità non avviene regolarmente tutti gli anni. Rubino violaceo cupo, ha 
intense, suadenti sensazioni di uva passa, cioccolato, amarena sotto spirito e leggera vaniglia. In bocca è morbido, voluttuoso nel suo residuo zuccherino che lo rende difficile da abbinare ma impareggiabile sorseggiato nel dopo pasto 
2. Oltrepò Pavese Bonarda Boisèe 2001 DOC: In questo vino Elena Mercandelli, proprietaria ed enologa di Cabanon, vuole fare della Bonarda un vino dal taglio internazionale. Il risultato è interessante: al naso i sentori legnosi sono ancora evidenti su di una trama che intreccia frutta rossa, 
spezie e caffè; al palato la tipica acidità è del tutto smussata e al servizio di una solida struttura che 
sostiene il sapore sino a un profondo finale. 
3. Cabanon Blanc Opera Prima 2004. Ecco il grande classico bianco di casa Mercandelli, tratto, come 
sempre, da uve sauvignon blanc. Esso lascia sullo sfondo i marcati toni vegetali del vitigno, prediligendo eleganti rimandi a fiori bianchi. Al palato si dispiega voluminoso nonostante il buon nerbo 
acido, terminando con un sapido finale.

DALLA GUIDA DEI VINI DI LUCA MARONI 2005

COMMENTO CONCLUSIVO:

Che polpa fitto, che potenza e che concentrazione il frutto del bicchiere Cabanon,e più si insisterà nel 
trasformarlo enologicamente con la più alta morbidezza e fragranza possibile, più la sua massa risulterà suadamente armoniosa. In questo senso performanti la Bonarda Boisèe 2001, il polpante Syras Vigna dei Gerbidi 2001.

LEGENDA ED INTERPRETAZIONE

Syra’s Vigna dei Gerbidi 2001 
Vino da carni rosse – brasate . salsate – fritte
79/100 centesimi - vini Ottimi)
O.P. Bonarda Boisèe 2001 
Vino da carni bianche - brasate . salsate – fritte
78/100 centesimi - vini Ottimi (carni bianche
– brasate/salsate/fritte - carne
O.P. Rosso La Botte N. 18 CuorediVino 2001 
carne

78/100 centesimi - vini Ottimi)

Barbera Prunello 2000 
Vino da Legumi - carne
76/100 centesimi – (vini Molto Buoni)
Cabanon Blanc (sauvignon) 2003 
Vino da pasta-riso con salse di pesce – primi piatti
76/100 centesimi – (vini Molto Buoni)
Spumante Moscato dolce “ELENA” 
Vino da Dolci
76/100 centesimi - vini Ottimi (frutta e dolci)

GUIDA AI VINI D’ITALIA BIO 2004

LA SOLITA GRANDE AZIENDA, NON NELLE MISURE, MA NELLA QUALITÀ DEI PRODOTTI OFFERTI, TRA PIÙ AFFIDABILE DELL’INTERA GUIDA. FACCIAMO I COMPLIMENTI A ELENA MERCANDELLI, TITOLARE ED ENOLOGA.

MIGLIOR VINO ROSSO

4. I Migliori dell’anno Oltrepò Pavese La Botte n° 18 Cuoredivino DOC 2000, Cabanon di Elena Mercandelli, Godiasco (PV): Vino dal saldo tessuto strutturale fatto da tannini di ottima grana, acidità ben innestata e giusta dimensione alcolica. I profumi sono ancora fruttati e ben legati da una nota tostata di caffè, molto intensi. 
5. I Migliori dell’anno Oltrepo Pavese Rosso Riserva Infernot DOC 2000, Cabanon di Elena Mercandelli, Godiasco (PV): L’Infernot è probabilmente il vino più originale di tutta la guida ed è ottenuto con le sole uve degli speroni raccolte in avanzato stato di maturazione. Al naso domina una sensazione di ciliegie macerate in alcol, molto godibile, con un sentore di vaniglia in sottofondo. In bocca ha un ha un ingresso morbido, quasi dolce, ma presto acidità e tannini coprono questa sensazione. Finale molto persistente, polposo, tutto giocato sulla sensazione dolce non dolce. È un vino da intenditori. 
6. Syra’s Vigna dei Gerbidi 2001. È un vino delicato, molto speziato, di buon impatto, ottenuto dall’uvaprincipale della Costa del Rodano: il Syrah. Al modello francese si ispira, risultando elegante e profumato di more, vaniglia e pepe bianco. 
7. Oltrepò Pavese Barbera Piccolo Principe DOC 2000. Il solito vino sontuoso, potente e minerale, dallabocca voluminosa, profonda nella durata della sensazioni retrolfattive. Sarebbe stato tra i migliori della guida, ma un tratto animale, con tendenza ad attenuarsi dopo aerazione, vela lo spettro aromatico. 
Probabilmente in futuro, e questo vino ne ha parecchio di fronte a sé, verrà integrato nel bouquet. 

DALLA GUIDA DEI VINI DI LUCA MARONI 2004 

COMMENTO CONCLUSIVO: 
di bella morbidezza, avvolge anche speziato “La Botte n°18 Cuore di Vino 2000 di Cabanon, con tannino di supporto, mau amaro esubero. Eccellente la sua ricca potenza...

LEGENDA ED INTERPRETAZIONE

O.P. Rosso La Botte N. 18 CuorediVino 2000 
carne
(80/100 centesimi - vini Ottimi) Sensazioni: di bella morbidezza, 
avvolge anche speziato, con tannino di supporto, mai in 
amaro esubero. Eccellente la sua ricca potenza.
Piccolo Principe Vigna Collesino 1998
84/100 centesimi - vini Ottimi
Infernot 1999 81/100 centesimi - vini Ottimi
Syra’s Vigna dei Gerbidi 2000 
Vino da carni rosse – brasate . salsate – fritte
76/100 centesimi - vini Ottimi

Associazione Italiana sommelier DUEMILAVINI VINI Il Libro Guida ai Vini d’Italia e ai Ristoranti Cantine d’Attrazione; edizione 2004:

"...La Fattoria Cabanon ha un’ampia produzione che spazia in una vasta gamma di vitigni, anche quelli non tradizionali del territorio. Abbiamo trovato molto interessanti Il Piccolo Principe, una Barbera in purezza, e l’Oro, vino da meditazione a base di uve Sauvignon e Semillon. L’azienda si conferma come una bella realtà di riferimento 
dell’Oltrepò Pavese..

Cabanon Blanc Opera prima 2002 – Alla vista si presenta giallo paglierino con riflessi 
verdolini. L’impianto olfativo è molto tipico, di erba fresca tagliata, foglia di pomodoro e 
buccia di pompelmo. Al palato denota buona struttura, fresco e sapido, di buon 
equilibrio. Il finale ripropone le note avverite al naso. Matura interamente in acciaio. 
Ottimo vino da pesce in crosta di sale.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
O.P. Barbera PICCOLO PRINCIPE 2000 - Rubino cupo, stilla consistenti archetti 
purpurei. Sul fondo vanigliato e balsamico del rovere risaltano suggestioni di amarena e 
prugna, confetture di more e una punta di miele di castagno. Caldo e vellutato, ha tannini 
rilevanti e corpo robusto. Lunga persistenza, con note di caffè nel finale. Sosta 24 mesi sui 
lieviti, 12 dei quali in barrique di rovere francese. Sul brasato.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
Syra’s 2001 – Ottima espressione di Syrah. Il colore è rosso rubino molto concentrato. Al 
naso i sentori spaziano di piccoli frutti rossi maturi, a toni più evoluti di caffè tostato, china e 
vaniglia. In bocca è compatto, con bella freschezza e tannicità in evidenza, seguite da adeguata 
morbidezza. Finale lungo e di buona rispondenza. Matura 6 mesi in barrique. Vino da arrosti..
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
O.P. Barbera Prunello 1998.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
Bonarda Boisée 2003 Bella espressione di vitigno e territorio. L’apporto dei 12 mesi di barrique è ben dosato e ne esalta il corredo di profumi. Struttura ed equilibrio in bocca, sposa un salame di testa della Lomellina.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)

DALLA GUIDA DEI VINI DI LUCA MARONI 2003

COMMENTO CONCLUSIVO

A Cabanon si cerca da anni il grande vino. Lo si è trovato quest’anno con il Piccolo Principe Vigna Collesino 1998. Lo si sente a naso: poderosa la spinta della 
sua prugna, della sua amerena. Frutti aggiunti in dolcezza da un rovere balsamico suadente, recante vene di anice e sambuco al profumo. Una rotondità ed un’euforia di 
frutto ancor oggi viva. Complimenti soprattutto per la non sovra amarezza del sapore. Infernot 1999 escluso, avvolto al sapore da zuccherina morbidezza. Complimenti per il 
conseguimento, per il miglioramento medio in equilibrio, e forza ancora con la morbidezza e con l’integrità olfattiva dei profumi.

LEGENDA ED INTERPRETAZIONE

O.P. Barbera PICCOLO PRINCIPE 
1998
84/100 centesimi - vini Ottimi) Sensazioni: è vino giocato sui 
grandi contrasti fusi in un assieme di morbida e balsamica 
souplesse. Tutto il tasting vede i segni della ricchezza del teste in 
esame. Occhio fitto e denso, profumo intenso, sapore potente. 
Mirtillo forte si avverte in arrivo di inspirazione. Grandi sono i 
contrasti perché la base estrattiva del vino è di superiore 
concentrazione. Ecco il contrasto principe: un frutto di acida e 
croccante vena ma di gran dolcezza speziata. L'effetto gusto- 
aromatico di tale sponda fra intensità e morbidezza è un'onda 
penetrante, intensa, di anicioso e clorofilloso balsamo di frutti di 
bosco. Analogo l'aroma che governa acceso nel palato: frutto 
mentoso, dall'amaro contenuto. Molto lungo in persistenza, 
trasparente e pulito, fragrante e turgido in riserva ossidativa di 
vita. Un vino carezzevole in cui sfolgora intenso il mirtillo, 
distillato da un caldo sole eppure avvolto in freschissima e bianca 
menta.
INFERNOT 1999 
81/100 centesimi - vini Ottimi (formaggi) Sensazioni: gran frutto
al tatto per la favolosa viscosità che nasce da una trama così 
concentrata. Il residuo zuccherino dispone al morbido questo 
sapore, non allo stradolce. Qui il frutto arriva se si mantiene più 
fragranza olfattiva alla marasca di base: maturissima ma passita.
Cabanon Noir 2001 75/100 centesimi - vini Ottimi
O.P. Bonarda Boisèe 1997 
Vino da carni bianche - brasate salsate – fritte
76/100 centesimi - vini Ottimi

A GUIDA DEI VINI DI LUCA MARONI 2002

COMMENTO CONCLUSIVO:

Qui si cerca il vino-frutto. Eccellente infatti la massa estrattiva, la polpa di questi vini. Per trovare il frutto, puntare ancora sull’integrità: maggiore pulizia 
olfattiva; invecchiamenti meno lunghi: più freschi si esordisce, più si emana fresco aroma, soprattutto più si dura. Comunque il bicchiere Fattoria Cabanon vale per la sua concentrazione e per la sua morbidezza. Complimenti !

LEGENDA ED INTERPRETAZIONE

Syra’s Vigna dei Gerbidi 1999 Vino da carni rosse – brasate . salssate – fritte 78/100 centesimi - vini Ottimi)
O.P. Rosso La Botte N. 18 CuorediVino 1998 
carne 
80/100 centesimi - vini Ottimi)
Cabanon Noir 2001 75/100 centesimi - vini Ottimi
O.P. Bonarda Riserva 1997 
Vino da carni bianche - brasate – stufate- 
salsate – fritte
76/100 centesimi - vini Ottimi (carni bianche 
– brasate/salsate/fritte - carne

Associazione Italiana sommelier DUEMILAVINI VINI Il Libro Guida ai Vini d’Italia e ai Ristoranti Cantine d’Attrazione; edizione 2002:

"...Azienda a conduzione famigliare, da moltissimi anni coltiva esclusivamente con metodo biologico. I vigneti sono collocati sulla fascia collinare che sorge sulla sponda sinistra del torrente Staffore, zona con forte escursione termica e terreno molto ventilato. La produzione media annua si aggira intorno ai 40 quintali per ettaro. La cantina, che sorge nel mezzo dei vigneti, è modernamente attrezzata e preparata adeguatamente per una lavorazione di qualità. L’azienda produce anche grappa con le proprie vinacce.

O.P. Rosso Infernot Riserva 2000 – Al colore si presenta di un colore rosso rubino molto concentrato, limpido. L’olfatto è composto da una decisa complessità costituita dalle note di confettura di piccoli frutti rossi, amarene e visciole, e da quelle di erbe aromatiche e di tabacco. L’impatto gustativo è decisamente disposto su morbidezza, buon equilibrio con sensazioni legate alla vaniglia nel finale. Buona la rispondenza naso- bocca. È ottenuto da uve raccolte in vendemmia tardiva e lasciate ad asciugare all’aperto. Dopo una lunga fermentazione e circa 3 anni di maturazione in botte di rovere, viene imesso al consumo dopo un ulteriore affinamento in bottiglia.
vini di grande livello e spiccato pregio (da 84 a 90 centesimi)
DOM Cabanon –(Sauvignon – Chardonnay)
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)
Cabanon-Blanc-2000
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)
Cuoredivino-La-Botte-N°18
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)
Oltrepò Pavese Bonarda
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)
Piccolo Principe 1998
vini di buon livello e particolare finezza (da 77 a 83 centesimi)

VINI d’ITALIA 2000  GAMBERO ROSSO

Per il terzo anno consecutivo, il Cabanon Blanc è risultato il vino migliore dell’azienda agricola di 
Elena Mercandelli, che possiede una ventina di ettari di vigneti allevati secondo i principi della viticoltura biologica. Il Blanc ‘98 nasce da uve sauvignon maturate su un terreno calcareo molto magro a 300 metri di altitudine, pigiate intere e fermentate a lungo a bassa temperatura. Colore paglierino brillante, sa di frutta esotica (ananas, litchi, passiflora) e di pierrea tusti, e ha un sapore pieno, fresco e fruttato. Quasi alla stessa altezza si colloca il Riesling Renano ‘98, vinificato con 24 ore di macerazione a freddo delle bucce nel mosto, per arricchire il colore, il profumo e il gusto. Il Pinot Grigio ‘98 della vigna Vignossa, situata su media collina in posizione molto ventilata, è floreale e ricco di struttura, e deve evolvere ancora, soprattutto in bocca: sfiora il traguardo del due bicchieri. Tra i rossi emerge il Syra’s ‘97, da uve Syrah del vigneto i Gerbidi (terra magra e sassosa) raccolte a maturazione avanzata. Il vino, maturato in rovere dopo la fermentazione malo lattica e imbottigliato nel settembre successivo alla vendemmia, appare vigoroso, ricco di tannini “dolci” e con note varietali ben definite di cioccolato e di caffè tostato. Da segnalare la Bonarda frizzante ‘98, morbida e corposa da uve mature.

Opera prima Cabanon Bianco ‘98 2 bicchieri nei Vini d'Italia 2001 del Gambero Rosso
Riesling Renano ‘98 2 bicchieri nei Vini d'Italia 2001 del Gambero Rosso
O.P. Rosso Ris. Infernot ‘90 2 bicchieri nei Vini d'Italia 2001 del Gambero Rosso
O.P. Rosso Vino Cuore ‘90 2 bicchieri nei Vini d'Italia 2001 del Gambero Rosso
Chmpenois Carlozadra 2 bicchieri nei Vini d'Italia 2001 del Gambero Rosso

Vini d’Italia del Gambero Rosso 1995

Quest’anno i Mercandelli possono essere molto fieri dei risultati raggiunti: ben cinque vini a due bicchieri, fatto che li consacra come la migliore azienda dell’Oltrepò e li inserisca a buon diritto nel “Gotha” dell’enologia nazionale. Il Rosso Riserva Infernot è un grandissimo vino, ben maturato, di straordinaria ricchezza olfattiva e gustativa, potente e persistente, per certi versi ricorda la sontuosità di certi Amarone,. Non è a caso ha sfiorato di pochissimo i tre bicchieri. Ma c’è un altro rosso, un’ottima Bonarda con un ricco profumo di ciliegie e di spezie, strutturata, rotonda e morbida. E poi tre ottimi bianchi. I migliori di essi ci è parso il Riesling Renano, ricco e fruttato al naso, fragrante al gusto, con molto caratteristiche. A pochi centesimi di distanza il CABANON Blanc (sauvignon), molto tipico, aromatico, fruttato, molto verde e vegetale in bocca; e il Pinot Grigio, fruttato con il caratteristico sentore di pera., pesca e altri frutti flessuoso e persistente.

Cabanon Bianco ‘93 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Oltrepò Pavese Bonarda Riserva ‘ 90 2 bicchieri nei Vini d'Italia 2001 del Gambero Rosso
Oltrepò Pavese Pinot Grigio ‘ 93 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Oltrepò Pavese Riserva Infernot‘ 90 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Oltrepò Pavese Riesling Renano‘ 93 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso

Vini d’Italia del Gambero Rosso 1992

La famiglia Mercandelli è adorabile per molti aspetti: per il calore dell’ospitalità la simpatia e la semplicità dei modi. Ma soprattutto ha tutta la nostra stima per il modo di pensare e fare il vino. Il loro credo enologico è esattamente l’opposto di quello imperante in tutto l’Oltrepò Pavese. 
Mentre infatti quasi tutti gli altri produttori si ostinavano, con pervicacia anacronistica, a perseguire risultati squisitamente quantitativi, qui si cerca di raggiungere livelli qualitativi sempre migliori. Si parte dal vigneto, che viene tenuto come un giardino, riducendo al massimo i trattamenti antiparassitari, nel dei dettami dell’agricoltura Biologica. La vendemmia è in genere piuttosto ritardata, per poter contare su una materia prima giunta a un perfetto grado di maturazione. Della cantina poi si occupa la giovane figlia ELENA, che nonostante l’età, ha una buona esperienza acquisita con tenaci studi e stages annuali. Avendo una profonda conoscenza della materia prima Elena raggiunge ormai costantemente risultati di ottimo livello. Quest’anno confermiamo i due bicchieri per il Cabanon Blanc, un Sauvignon che ha dimostrato di riuscire particolarmente bene al di là della diversità varie annate. Il pinot Grigio, che si potrebbe scambiare per un friulano, tanto è nervoso e sapido, è andato vicino ai due bicchieri. Fragrante il Riesling Renano, molto pieno nel gusto. Il Sensazioni, anche esso valutato due bicchieri, è vinoso, prorompente, anche se stupisce sapere che si tratta di nun Dolcetto. Tra gli altri rossi, da ricordare l’esuberante Pezzo da 90, un Barbera “incontenibile” e potente. Molto tipico il Bonarda, appena un pochino rustico. Superiore alla media delle zona il Rosso Oltrepò Vigna Vecchia.

Cabanon Bianco ‘90 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Sensazioni ‘ 90 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Oltrepò Pavese Pezzo da ‘ 90 1 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso

Vini d’Italia del Gambero Rosso 1991

Cabanon è situata nell’ultima propaggine dell’Oltrpò che confina con il Piemonte. Una vicinanza evidentemente propizia, dal momento che i vini prodotti qui sono completamente diversi da quelli della zona. Forse non si tratta solo di una differenza di terreno o di microclima, ma piuttosto del modo di pensare degli uomini. Mentre nel resto dell’area oltre padana regnano le ragioni della quantità, in quest’isola felice governano quelle della qualità ad ogni costo che costituiscono il credo della famiglia MERCANDELLI. La loro azienda comprende 7 ettari, che sono coltivati con grandissima cura.: adottando tecniche di tipo biologico, interventi antiparassitari al minimo, rese per unità di superficie che sono inferiori a quelle dei grandi cru di Borgogna. Grazie a questa politica le vendemmie sono effettuate molto più in ritardo rispetto alla media locale, fattore che consente di raccogliere una materia prima a perfetta maturazione. Cabanon produce circa una quindicina di vini diversi e forse la frammentazione è eccessiva, ma tra questi vi sono prodotti davvero sorprendenti, straordinari se si pensa al livello medio dell’Oltrepò. Decisamente pure il Pinot Grigio, ottenuto da un clone francese a grappoli piccolissimi che a maturazione sono di colore rosa. I rossi sono tutti ben strutturati, alcuni poderosi e comunque di una certa eleganza e 
bevibilità. Dietro il nome un po’ ingenuo di “Vino Cuore” si nasconde un riuscitissimo Rosso Oltrpò; Jolly invece è il nome del Pinot Nero, molto tipico e riconoscibile, e Sensazioni è un Dolcetto in purezza molto morbido e di grande bevibilità. Un’azienda che parte con un bel gruzzolo di bicchieri, ma crediamo potrà migliorare ancora moltissimo.

Cabanon Bianco ‘89 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Oltrepò Pavese Rosso “VINO CUORE” ‘ 88 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso
Champinois Carlozadra 2 bicchieri nei Vini d'Italia 1995 del Gambero Rosso